La lotta alla Scarpa d'oro 2022

Il goal è la quintessenza del calcio, ed è per questo che i grandi attaccanti sono i principali protagonisti delle partite più esaltanti del calcio europeo. Siano essi centravanti o seconde punte che partono da dietro, i grandi goleador dei tornei continentali si tornano a sfidare per il trofeo della Scarpa d’oro, la cui ultima edizione è stata vinta dal polacco Robert Lewandowski, capitano della Polonia e centravanti del Bayern Monaco. Lui stesso è attualmente uno dei giocatori più prolifici e vanta fino ad ora ben 16 reti totali, che grazie al coefficiente di difficoltà della Bundesliga lo portano a quota 32 punti.

I favoriti al titolo della Scarpa d’oro 

Lewandowski continua a far parlare di sé. La sua grande esperienza è senza dubbio una base importante sulla quale il polacco farà leva per poter superare nuovamente i bomber dei principali campionati continentali. Le sue abilità nel fare da raccordo dell’attacco del Bayern, che a sua volta è una delle principali candidate a vincere la Champions League dopo aver vinto tutte le partite del proprio girone, si sposano con una forza fisica fuori dal comune e con un senso del goal da centravanti d’élite.

Non sorprende, dunque, che lui sia uno dei favoriti alla vittoria della Scarpa d’Oro, secondo le quote più aggiornate del calcio scommesse in questo momento, e affiancato nella corsa al titolo con lo stesso coefficiente da Vlahovic e Salah. Per molti vincitore morale del Pallone d’oro 2020, il quale non è stato assegnato dalla rivista France Football, il polacco tornerà alla carica per coronarsi Re dei goal.

Tra i suoi più grandi rivali in questa stagione, lo abbiamo detto, vi è un atleta rampante che sta stupendo tutti per la sua frequenza nell’andare a rete: parliamo del serbo Vlahovic, attaccante classe 2000 della Fiorentina che, a 21 anni, è già nel mirino dei migliori club europei, tra i quali la Juventus, la quale non ha mai nascosto l’interesse per l’attaccante slavo. Attualmente a quota 15 reti in Serie A, il centravanti della Viola è il capocannoniere del campionato italiano e tutto lascia presagire che migliorerà i numeri dell’anno scorso. Da lui dovrà  dunque guardarsi Lewandowski se vorrà convalidare il suo status di grande bomber europeo, ma non solo.

Il mancino Salah del Liverpool insidia Lewandowski

C’è un altro mancino che proverà a insidiare il trono del Re polacco: si tratta di Mohammed Salah, attaccante esterno del Liverpool che sta vivendo nuovamente una stagione da protagonista assoluto al comando dell’istrionico Jurgen Klopp, un allenatore che vive di calcio offensivo. L’egiziano dei Reds è attualmente il capocannoniere della Premier League dopo aver registrato ben 14 reti in totale, e anche in Champions si sta facendo valere. Sono ben sette, infatti, i centri dell’africano nella massima competizione continentale, che lo tengono a sole due lunghezze dallo stesso Lewandowski e a tre dal massimo goleador Sebastian Haller dell’Ajax. Dietro questi fenomeni si muove silenzioso anche il vincitore del trofeo nel 2020, ossia il laziale Ciro Immobile, attualmente a quota 13 gol in Serie A e sempre pericoloso quando si tratta di mettere a referto goal nel lungo periodo. Inoltre, da qui a maggio la strada è ancora lunga e non sono escluse sorprese.

Vlahovic Fiorentina

Antonio VivesCalcioTopCalcio,Robert Lewandowski,Salah,Scarpa d'Oro,Vlahovic
Il goal è la quintessenza del calcio, ed è per questo che i grandi attaccanti sono i principali protagonisti delle partite più esaltanti del calcio europeo. Siano essi centravanti o seconde punte che partono da dietro, i grandi goleador dei tornei continentali si tornano a sfidare per il trofeo...