Obama sfortunato protagonista in un calendario in Russia.

La catena di supermercati russa Bakhetle, è stata costretta a chiedere pubblicamente scusa giovedì, per la vendita di utensili e calendari in cui appariva una famigliola di scimmie la più piccola delle quali aveva il volto del presidente americano Barack Obama.

Il fotomontaggio di Barack Obama in Russia

L’iniziativa aveva provocato l’ira dell’Ambasciata degli Stati Uniti a Mosca. Immediate le reazioni di scandalo, di indignazione e accuse di “razzismo”, tanto che chi aveva diffuso l’immagine ha dovuto scusarsi pubblicamente mentre la vendita dei calendari è stata immediatamente sospesa e l’utensile ritirato.

Il fotomontaggio di Barack Obama in Russia

Bakhetle, è una catena di supermercati della Repubblica del Tatarstan è specializzata nei prodotti alimentari dell’Asia centrale, ma popolare in tutto il paese. Lo scandalo è scoppiato quando un cliente della catena a Kazan, la capitale del Tatarstan, ha pubblicato una foto del tagliere, che è diventata virale su internet.

La piattaforma online, si sa, osserva Giovanni D’Agata presidente dello “Sportello dei Diritti”, è uno strumento potente e indispensabile che non tutti usano in modo costruttivo. C’è anche chi, approfittando dell’anonimato, usa i social network per sfogare rabbia e odio, per calunniare e diffondere teorie cospirative. Barack Obama più di altri, visto che è stato bersagliato dai messaggi razzisti fin da quando, all’inizio del 2007, decise di candidarsi alla Casa Bianca.

Valentina ContiEsteriBarack Obama,Calendario,Fotomontaggio,Russia,Supermercato
La catena di supermercati russa Bakhetle, è stata costretta a chiedere pubblicamente scusa giovedì, per la vendita di utensili e calendari in cui appariva una famigliola di scimmie la più piccola delle quali aveva il volto del presidente americano Barack Obama.L'iniziativa aveva provocato l'ira dell'Ambasciata degli Stati Uniti a...