Coronavirus: scoperto nuovo trattamento antivirale che uccide il Virus Covid-19

Mentre la curva in Italia si appiattisce, ma lo scenario resta preoccupante, nuove importantissime scoperte arrivano in merito alla cura del Coronavirus. Un team di scienziati del Queensland ha co-sviluppato un trattamento antivirale per il “silenziamento genico” che potrebbe uccidere efficacemente il COVID-19 in quello che è stato definito un “importante pezzo mancante” nell’arsenale contro il virus.

Nigel McMillan e il suo team del Menzies Health Institute della Griffith University, insieme agli scienziati del centro di ricerca City of Hope negli Stati Uniti, affermano che l’approccio antivirale di “prossima generazione” potrebbe impedire al virus di replicarsi nei polmoni.

Il professor McMillan ha detto che gli studi clinici di fase 1 hanno rivelato che il trattamento antivirale ha ridotto la carica virale nei polmoni dei topi del 99,99%. Mentre gli antivirali tradizionali, come Tamiflu e Remdesivir, riducono i sintomi e aiutano le persone a riprendersi prima, questa nuova tecnologia utilizza un piccolo RNA interferente (siRNA) per attaccare direttamente il genoma del virus, impedendo al virus di replicarsi.

Le nanoparticelle lipidiche, progettate presso la Griffith University e City of Hope, verranno utilizzate come veicolo di somministrazione del farmaco per fornire siRNA ai polmoni.

Il professor McMillan ha detto che il trattamento si è dimostrato incredibilmente efficace nelle prove sui topi:

“Il trattamento con siRNA virus-specifico riduce la carica virale del 99,99 per cento. Queste nanoparticelle invisibili possono essere trasmesse a un’ampia gamma di cellule polmonari e silenziare i geni virali”.

Le nanoparticelle vengono iniettate nel flusso sanguigno e si dirigono direttamente verso i polmoni, andando in “quasi ogni cellula polmonare. Dove c’è un virus, lo troverà, si legherà al genoma e lo distruggerà. È un po’ come togliere il motore dalla macchina. La macchina non andrà più. Il virus è morto, non può più replicarsi. Non fa nulla alle cellule normali. Questo permette al sistema immunitario di venire a ripulire tutto e darti quella cura definitiva … Con quel tipo di riduzione della carica virale, le persone non trasmetteranno il virus e avranno buone possibilità di recupero”.

“Per tutti gli antivirali, prima lo fai entrare in qualcuno, migliore è il risultato. Il trattamento può funzionare su tutti i betacoronavirus, incluso il virus SARS originale, SARS-CoV-2 (il virus che causa COVID-19) e qualsiasi nuova variante che potrebbe sorgere in futuro perché prende di mira le regioni ultra conservate del virus genoma“.

“Abbiamo anche dimostrato che queste nanoparticelle sono stabili a 4°C per 12 mesi e a temperatura ambiente per più di un mese, il che significa che questo agente potrebbe essere utilizzato in contesti con poche risorse per trattare i pazienti infetti”, ha detto il professor McMillan.

Il team spera di passare alla fase successiva dei test entro la fine dell’anno, e, se si dimostrerà efficace, potrebbe essere reso disponibile in commercio entro il 2022. Se questi dati basati sui topi saranno confermati sull’uomo, i pazienti Covid trattati con questo farmaco potrebbero diventare non più infettivi, inibire il progresso dei pazienti verso una forma grave di Covid, abbreviare la fase infettiva per alleviare il costo sociale, economico e psicologico dell’isolamento prolungato del paziente, e ridurre rapidamente i focolai locali.

Andrea TosiSaluteTopCoronavirus,Covid-19,Farmaci antivirali,Genoma umano,Nanoparticelle,Virus
Mentre la curva in Italia si appiattisce, ma lo scenario resta preoccupante, nuove importantissime scoperte arrivano in merito alla cura del Coronavirus. Un team di scienziati del Queensland ha co-sviluppato un trattamento antivirale per il 'silenziamento genico' che potrebbe uccidere efficacemente il COVID-19 in quello che è stato definito...