Class Action: Cosa rischiano Bmw, Daimler e Volkswagen negli USA

Quello che sta succedendo negli Usa riguardo le case automobilistiche tedesche va ben oltre lo scandalo dieselgate. I cittadini americani sono incavolati neri. Secondo loro e la montagna di avvocati che stanno preparando una delle più grandi class action della storia negli States, le maggiori case automobilistiche tedesche hanno fatto cartello per limitare i progressi tecnologici nei loro veicoli. Non solo nelle loro auto ma anche nella concorrenza.

È un’accusa veramente imponente e molto grave nel suo fondamento.

Se la causa venisse vinta, verrebbe rasa al suolo l’industria automobilistica d’importanzione tedesca negli Usa. La sentenza provocherebbe una reazione a catena dalle conseguenze incalcolabili.

L’accusa viene mossa negli Usa contro marchi prestigiosi come Bmw, Daimler e Volkswagen, inclusi i suoi marchi Audi e Porsche. I proprietari americani di auto tedesche, che sperano arrivare ad una class action, hanno presentato le accuse al tribunale di San Francisco. Secondo quanto riportato dall’agenzia Bloomberg, i consumatori statunitensi accusano i costruttori tedeschi di aver condiviso informazioni sulle tecnologie montate sui loro veicoli dal 1996 al 2015.

Valentina ContiEsteriTopAuto,Automobili,BMW,Class Action,Dieselgate,USA,Volkswagen
Quello che sta succedendo negli Usa riguardo le case automobilistiche tedesche va ben oltre lo scandalo dieselgate. I cittadini americani sono incavolati neri. Secondo loro e la montagna di avvocati che stanno preparando una delle più grandi class action della storia negli States, le maggiori case automobilistiche tedesche hanno...