foxconn iphone proteste fabbrica

Sei milioni di abitanti della città cinese di Zhengzhou, sede della più grande fabbrica di cellulari iPhone al mondo, sono confinati da venerdì, dopo gli scontri tra la polizia e gli operai di quella fabbrica, che chiedono salari migliori.

Le autorità hanno ordinato ai residenti di otto distretti di Zhengzhou, nella provincia centrale dell’Henan, di non lasciare l’area per cinque giorni e hanno eretto recinzioni intorno agli edifici residenziali ritenuti ‘ad alto rischio’ e posti di blocco per limitare gli sfollamenti.

In città sono stati rilevati solo pochi casi di coronavirus

L’ordine è arrivato dopo che centinaia di dipendenti della fabbrica di iPhone di Foxconn, alla periferia della città, hanno protestato per chiedere migliori condizioni salariali.

Questo venerdì sono state rilasciate nuove immagini di quelle marce.

In un video postato sui social si vede una folla che cammina lungo una strada nella parte est della città, alcuni con striscioni. “Quanta gente!” si sente dire un uomo. Dozzine di lavoratori hanno lasciato la fabbrica giovedì dopo aver intascato una paga di 10.000 yuan (circa 1400 dollari). Ma, secondo i video diffusi sulle app cinesi Douyin e Kuaishou, l’azienda taiwanese ha vietato a molti dei dipendenti recentemente entrati in azienda di recarsi al lavoro.

Molti di questi nuovi dipendenti sono confinati negli hotel fuori dallo stabilimento, hanno detto diversi lavoratori a media internazionali. “Siamo in quarantena in un hotel e non possiamo in alcun modo andare al complesso Foxconn”, ha spiegato un dipendente, che ha chiesto l’anonimato.

kei8uj3

Un altro dipendente ha affermato che ai salariati a cui era stato impedito di andare al lavoro era stato promesso un risarcimento di 10 mila yuan per essere sottoposti a quarantena, ma avevano ricevuto solo una parte di tale importo.

Non ci lasciano iniziare a lavorare e non possiamo tornare a casa, Zhengzhou è confinata“, ha raccontato un lavoratore costretto alla quarantena, nella città di Ruzhou, a sud-ovest di Zhengzhou. Secondo lui, anche in altre città della provincia si stanno svolgendo proteste su scala minore, organizzate da dipendenti scontenti di FoxConn che, come lui, non hanno potuto unirsi al loro nuovo lavoro a causa della quarantena.

Valentina ContiEsteriTopCina,Coronavirus,Coronavirus Cina,Diritti civili,Diritti Umani,Foxconn,Protesta Lavoratori,Quarantena
Sei milioni di abitanti della città cinese di Zhengzhou, sede della più grande fabbrica di cellulari iPhone al mondo, sono confinati da venerdì, dopo gli scontri tra la polizia e gli operai di quella fabbrica, che chiedono salari migliori. Le autorità hanno ordinato ai residenti di otto distretti di Zhengzhou,...