Aumenti in busta paga con l'anno nuovo

Secondo le analisi fatte dall’osservatorio Towers Watson sulle politiche retributive 2015-2016, le retribuzioni saranno piu’ pesanti del 2,6% rispetto al 2015.

L’inflazione prevista si attesta all’1,2%, valore che accompagnerebbe la crescita reale delle retribuzioni pari all’1,5% (rispetto al 2,1% del 2015). In questo modo andrebbe a ridursi il gap con gli altri Paesi occidentali che generalmente oggrono compensi piu’ alti rispetto al nostro Bel Paese.

(adsbygoogle=window.adsbygoogle||[]).push({})

Le previsioni confermano il trend positivo. Nel 2015, la crescita delle retribuzioni in Italia si è mantenuta intorno al 2,5%, valore analogo a quello della Francia, ma inferiore rispetto a Regno Unito (2,8%) e superiore a Irlanda (2,4%) e Germania e Spagna (2,3%).

Resta sensibilmente alto, secondo Towers Watson, il divario delle retribuzioni di ingresso, tra Italia e gli altri Paesi europei: -70% rispetto alla Germania, -44% rispetto all’Austria, -38% rispetto al Belgio, -24% rispetto alla Francia, -55% rispetto all’Inghilterra. Peggiori dell’Italia, si evidenzia, solamente Spagna e Portogallo.

Federica SantoniEconomiaAnno Nuovo,Busta paga,Previsioni,Retribuzioni,Trend
Secondo le analisi fatte dall’osservatorio Towers Watson sulle politiche retributive 2015-2016, le retribuzioni saranno piu' pesanti del 2,6% rispetto al 2015.L’inflazione prevista si attesta all'1,2%, valore che accompagnerebbe la crescita reale delle retribuzioni pari all’1,5% (rispetto al 2,1% del 2015). In questo modo andrebbe a ridursi il gap con...