Il ciclone tropicale che ha ucciso 128 persone e lasciato 8400 sfollati in Indonesia

Disastro in Indonesia a causa del ciclone tropicale: ha provocato inondazioni e interruzioni dell’energia elettrica che hanno determinato anche il blocco degli esami per 100mila studenti. Questo si aggiunge alle gravissime difficoltà di istruzione per bambini e adolescenti, che da più di un anno seguono le lezioni da casa, dopo la chiusura delle scuole per il Covid-19. L’Organizzazione Save The Children sta sostenendo le famiglie con rifugi di emergenza, coperte e kit per l’igiene e supporto per la salute mentale ai minori colpiti dalla crisi.

Circa 100 mila bambini e adolescenti in tre distretti dell’Indonesia hanno dovuto interrompere gli esami a causa delle inondazioni improvvise e degli smottamenti, causati dal ciclone tropicale che ha colpito domenica l’Indonesia e la vicina Timor-Est, uccidendo 128 persone e lasciando oltre 8400 sfollati. Lo denuncia Save the Children, l’Organizzazione internazionale che da oltre 100 anni lotta per salvare la vita dei bambini e garantire loro un futuro.

Quasi 2000 case nella provincia orientale del Paese di Nusa Tenggara sono state distrutte dalle inondazioni e 72 persone sono state dichiarate disperse .

Le operazioni di soccorso sono state ostacolate da strade bloccate, interruzioni di corrente e continui smottamenti. L’elettricità e le reti Internet sono crollate in cinque distretti e più di 1 milione di persone si ritrova senza luce. E’ previsto un ritorno alla normalità dell’elettricità non prima di maggio.

I bambini e i ragazzi di tutta l’Indonesia avrebbero dovuto sostenere gli esami da casa questa settimana poiché le scuole rimangono chiuse a causa della pandemia di Covid-19. Secondo Save the Children, circa 100 mila bambini a Nusa Tenggara e nei distretti di Kupang City, Kupang e Malaka, hanno dovuto interrompere gli esami.

Le scuole in Indonesia sono ormai chiuse da oltre un anno, con lezioni ed esami tenuti online. Save the Children è preoccupata per l’ulteriore impatto di questo ultimo disastro sull’istruzione dei minori.

Miguel, uno studente di 13 anni della città di Kupang, ha detto: “Questa mattina ero pronto per l’esame, ma non c’era segnale né elettricità. Non ho ricevuto alcuna informazione dalla mia scuola. Mi sento così triste e ansioso”.

Questo è un disastro su un disastro per questi minori. Devono ancora riprendersi per la perdita, l’ansia e l’interruzione del loro apprendimento causate dalla pandemia, e ora, oltre a perdere le loro case, anche le speranze di proseguire la loro istruzione subiscono un altro duro colpo. Da gennaio abbiamo avuto più di 1000 emergenze in Indonesia causate da inondazioni, forti venti e smottamenti e sono i bambini a essere spesso i più vulnerabili” ha dichiarato Selina Patta Sumbung, CEO di Save the Children in Indonesia.

Secondo l’Agenzia di meteorologia, climatologia e geofisica dell’Indonesia, questa settimana sono previsti ulteriori condizioni meteorologiche estreme e cicloni tropicali nella provincia orientale di Nusa Tenggara in Indonesia. Save the Children sta fornendo un aiuto immediato alle famiglie sotto forma di rifugi di emergenza, coperte, kit per l’igiene e supporto per la salute mentale ai bambini colpiti dalla crisi.

Federica SantoniEsteriTopBambini,Ciclone tropicale,Indonesia,Inondazioni,Inondazioni Indonesia,Save The Children,Studenti
Disastro in Indonesia a causa del ciclone tropicale: ha provocato inondazioni e interruzioni dell’energia elettrica che hanno determinato anche il blocco degli esami per 100mila studenti. Questo si aggiunge alle gravissime difficoltà di istruzione per bambini e adolescenti, che da più di un anno seguono le lezioni da casa,...