Assicurazione Auto.

Ridurre il più possibile la polizza assicurativa dell’auto è un fattore che accomuna non quasi ma tutti gli automobilisti italiani e non, esistono infatti delle escamotage per ridurre anche di poco la polizza assicurativa, come ad esempio fare quella a km, ma quando farla? A chi conviene farla?

Questa è un tipo di assicurazione che calza a pennello per chi usa la propria auto non frequentemente, o comunque per chi percorre pochi km nell’arco di un anno.
Infatti il premio di tale polizza assicurativa è calcolato in base al numero di km percorsi effettivi. Indicata a coloro che usufruiscono dei mezzi pubblici per spostarsi durante la settimana. Per dirsi conveniente tale premio assicurativo va consigliato a quei veicoli che percorrono mediamente dai 5/7000 km all’anno.

Sostanzialmente, al momento della stipula del contratto viene depositata una quota del premio pari al 30/50% dipende dalla compagnia assicurativa, così da ottenere il contrassegno da esporre sull’auto. In questo modo il veicolo e coperto d’assicurazione a tutti gli effetti, la parte di quota restante, viene calcolata in base ai km effettivamente percorsi durante l’anno.

Attraverso l’impianto satellitare presente nel veicolo, la macchina viene costantemente monitorata, quindi rilevare i km che vengono percorsi è un’operazione al quanto semplice, su tale conteggio verrà poi calcolato il premio assicurativo. Tale dispositivo viene anche utilizzato per localizzare l’auto in caso di furto oppure per mettersi in contatto con la centrale operativa in caso di guasti del veicolo, e comunicare le dinamiche dell’accaduto.

Tantissime sono le compagnie assicurative che propongono le assicurazioni a km come l’agenzia assicurativa Sara, che propone la polizza SaraFree, poi quella della unipol la You Kmsicuri.

Scegliere questo tipo di premio assicurativo potrebbe essere una valida soluzione per risparmiare qualche euro sul costo della polizza assicurativa auto, ricordo che i km per usufruire di tale premio assicurativi non devono oltrepassare i 7000 km annui. Se la percorrenza di km annui del proprio veicolo dovesse comprendere tra i 7000/10000 km annui è necessario fare una valutazione adeguata per evitare di essere penalizzati e non usufruire di tale agevolazioni.

Per cui quando ci si accinge a stipulare una polizza assicurativa si deve essere ben certi che i km percorsi dal proprio veicolo abbiano un limite di circolazione che come ripetute più volte non oltrepassano i 7000, e quindi recarsi da quelle compagnie che effettuano polizze a km.

Fonte: //assicurazioniautoroma.com/assicurazioni-auto-chilometri/123

Antonio VivesLifeStyleAssicurazione auto,Assicurazione auto a Km,Auto,Polizza Assicurativa,Rc Auto
Ridurre il più possibile la polizza assicurativa dell’auto è un fattore che accomuna non quasi ma tutti gli automobilisti italiani e non, esistono infatti delle escamotage per ridurre anche di poco la polizza assicurativa, come ad esempio fare quella a km, ma quando farla? A chi conviene farla? Questa è...